toberemoved
Supporto Clienti myDonor®

Coronavirus – Possibilità di utilizzare lo smart working per gli utenti cloud di myDonor®.

Tutti gli utenti cloud myDonor® possono richiedere una connessione protetta con certificato di sicurezza per accedere, da un luogo esterno all'ambiente di lavoro, al programma.

E' necessario che il responsabile dell'Organizzazione apra un ticket ad assistenza@mydonor.eu con l'indicazioni delle persone autorizzate ed il loro indirizzo email per ricevere le credenziali d'accesso (Certificato e Password).

Viene rilasciata una connessione VPN protetta che, una volta attivata, consente di utilizzare myDonor® da qualsiasi PC così come se fosse in ufficio.

In allegato il link al manuale presente su questo sito per le istruzioni di configurazione.

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Coronavirus: modificate le modalità di accesso allo smart working

2 marzo 2020

​Nell'ambito delle misure adottate dal Governo per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 (coronavirus), il Presidente del Consiglio dei ministri ha emanato un nuovo Decreto che interviene anche sulle modalità di accesso allo smart working.

Infatti, l'articolo 4 "Ulteriori misure sull'intero territorio nazionale", stabilisce che "la modalità di lavoro agile disciplinata dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, può essere applicata, per la durata dello stato di emergenza di cui alla deliberazione del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020, dai datori di lavoro a ogni rapporto di lavoro subordinato, nel rispetto dei principi dettati dalle menzionate disposizioni, anche in assenza degli accordi individuali ivi previsti. Gli obblighi di informativa di cui all'art. 22 della legge 22 maggio 2017, n. 81, sono assolti in via telematica anche ricorrendo alla documentazione resa disponibile sul sito dell'Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro".

Con il DPCM di ieri, infine, "cessano di produrre effetti il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23 febbraio 2020, nonché il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 febbraio 2020".